martedì 11 dicembre 2012

un sabato ordinariamente speciale

sabato mattina colpo di testa di papà sandro che dopo una levata stranamente tardiva intorno alle 9.00 ci propone di andare nella bella Sassari. in effetti era un pò che meditavamo una gita, anche per curiosare in un negozio di articoli sportivi. e vabbè, bagagli e bagaglietti in mano, in realtà molto pochi, e partiamo.
sotto una tempesta che non vi sto a dire: grandine e quasi neve, arriviamo a toccare 1°C soltanto rispetto ai 7°C che c'erano a casina nostra, e un vento che, vabbè che ve lo dico a fare...
arrivati a destinazione con quel tempaccio c'era poco da fare la gitarella e quindi che si fa?
signore e signori siano benedetti i centri commerciali!
era già ora di pranzo quindi ci fiondiamo nel più famoso dei fast food e per la belvetta si ordina il mi-mil col toast che lei molto abilmente aggira per arrivare alle patatine (che poi l'ho assaggiato e ho capito perchè non l'ha mangiato). mamme non degeneri non rabbrividite, una volta all'anno si può pure sgarrare.


 
 
abbiamo giocato su macchinine, aerei e scoiattoli volanti
 
 
 
neanche a dirlo il volto di luisa era il ritratto della felicità. e senza neanche un piccolo capriccio al nostro richiamo di scendere per proseguire la passeggiata!

insomma, la giornata perfetta... bancarelle di artigiani che esponevano le loro creazioni per natale, una cioccolata in una splendida cioccolateria e qualche acquisto per luisa e i nipotini.
prima di mettere a dormire la belvetta sono solita chiederle se è stata bene durante la giornata e se si è divertita e lei, col dono della sintesi che la contraddistingue sapete cosa mi ha detto?
 
"ci siamo alzati e dormiti"
 
che importa se poi nel mezzo abbiamo fatto giusto qualcos'altro...
 
francy
 

12 commenti:

  1. io adoro tua figlia!!!!!!! è un antidepressivo ( non che io sia depressa intendiamo... ) naturale mi fa sempre spaccare dal ridere ... ci siamo alzati e dormiti ah ah ah non smetto di ridere!!!!!! *.°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi dopo che tu ti scleri per fare di tutto per farla divertire e sei a sua completa disposizione non è male...poi ogni tanto questi giorni ci dice "ti ricordi...?" citando qualcosa vista o fatta.e questo ripaga!!!
      ;)

      francy

      Elimina
  2. Noi, sabato, ci abbiamo portato il nonno (il sardo!) al mac: era la sua prima volta!
    Ma non è salito sulle giostrine... ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi il nostro non ci siamo ancora riusciti a portarcelo... ma non demordiamo...

      francy

      Elimina
  3. Le parole non contano....il sorriso dice tutto!!!!

    RispondiElimina
  4. Ah, ah grande tua figlia! concisa ma chiara!
    Sono d'accordo che si possa sgarrare una volta ogni tanto......così assaggiano e capiscono che non gli piace niente tranne le patatine (testato personalmente!).

    alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sono accorta,a saperlo prima...prossima volta pizza,quella si che la mangia volentieri,del resto come darle torto!!!!

      francy

      Elimina
  5. è bellissimo il titolo del tuo posy "un sabato ordinariamente speciale", una commovente poesia della bellezza di un giorno così: speciale nella sua normalità!
    quanto siete belli!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si perchè alla fine eravamo in giro per supermercati,ma è stata davvero una splendida giornata (come cantava qualcuno!)

      francy

      Elimina
  6. Luisa Sofia di nonno!! alla faccia della passeggiata. Così si fa... la prossima volta viene anche nonno e nonna.
    a presto Sofia e...compagnia bella!!
    nonno Armando e nonna Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si,si,si!però andiamo a mangiare il kebab,per tua immensa gioia.oppure troviamo una spaghetteria così sei contento!!!

      francy

      Elimina
  7. Mi ricorda qualcuno, questa sua sintesi sinteticissima!
    Sappi che sei ufficialmente invidiata: quando vado io nei centri commerciali con i miei non facciamo altro che correre a destra e a manca...

    RispondiElimina