mercoledì 12 dicembre 2012

una tela bianca da colorare

un bimbo quando nasce è un pò come una tela bianca.
passano i mesi e impara a riconoscere papà e mamma come un bel cielo azzurro, nonni, zii e amici come un bell'albero robusto su cui arrampicarsi, la sua routine fatta di pappe e giochi come una rassicurante e calda casa col tetto rosso e la staccionata bianca.
si, ma così sembra una pubblicità. questo disegno va pasticciato un pò.
ci va la tradizionale chiacchierata con papà il sabato mattina a colazione.
ci va il preparare il ragù per le lasagne con mamma, che poi qualche volta ci vengono secche.
ci va il ricordo di nonna che mi faceva i miei piatti preferiti ogni volta che andavamo a pranzo da lei.
ci va il gioco di luisa nel lettone con papà la sera quando torna dal lavoro.
ci va che noi i tradizionali madrina e padrino per il battesimo non li vogliamo, ma abbiamo due pazze pazze amiche di mamma, col significato tutt'altro che religioso che gli abbiamo dato.
ci vanno le tradizioni acquisite con papirozzo che lui l'albero lo faceva il 1° di dicembre con la sua mamma e come si fa a dirgli di no?
ci va che quando siamo da nonno Vale i regali li apriamo la vigilia mentre da nonno Armando e nonna Flavia li apriamo la mattina di natale.
ci va che anche se non credo all'aspetto più classico del natale, gli do un bel significato di stare insieme e donare anche solo un biscotto fatto da me e luisetta a chi amiamo.
ci vanno le nostre tradizioni, non quelle di dover andare per forza a fare il giro dei parenti che chi cavolo li ha visti per il resto dell'anno e perchè li devo vedere proprio il giorno di natale o di un'altra festa?

certo ci va anche l'albero, il panettone (sennò mia mamma chi la sente?), la torta di compleanno, ma le tradizioni più belle sono le nostre, quelle tutte personali di una famiglia, di quella che ci portiamo dietro da quando siamo bambini e di quella che ci siamo costruiti o ci stiamo costruendo.
perchè ce le siamo costruite noi, le abbiamo disegnate sulla nostra tela bianca.

questo post partecipa al blogstorming di genitori crescono

francy

4 commenti:

  1. Noi siamo quel che sia o anche per il nostro passato, e per le sue tradizioni. A me scaldano il cuore e spero di riuscire a trasmetterle a mio figlio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto il nostro passato e quello che abbiamo imparato.anche le tradizioni ci insegnano qualcosa,specie quelle tutte personali di ogni famiglia...

      francy

      Elimina
  2. I miei figli amano il natale per due motivi: alzarsi la mattina presto e correre giù ad aprire i regali (11 e 15 anni!) e pranzare insieme ai nonni, allo zio e ai cugini, tutti a casa nostra. Sono tradizioni che non ci siamo imposti, ma che sono venute da loro stesse e che riproponiamo con piacere ogni anno, hanno molto senso, perchè rispondono ad un nostro bisogno. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti sono alla fine le cose che ci cuciamo addosso quelle che ci sentiamo più nostre e ci rimangono più dentro...

      francy

      Elimina