martedì 10 gennaio 2012

Tarpare o “regalare le ali”? questo è il dilemma!



Ho letto un articolo di quella che è stata definita la mamma peggiore del mondo, intitolato appunto “regalate le ali ai vostri figli”. Devo dire che mi ha dato da pensare.
E subito mi si è stampata davanti un’immagine che ho di fronte ogni giorno: bambini con giubbotto, sciarpa, guanti, cappello, e Dio solo sa cos'altro c’è sotto. E poi guardo luisa: una tuta da ginnastica, piumino e cappuccio. C’è anche da dire che più di così con lei non si riesce a fare, ma davvero vogliamo farli andare in giro come tanti piccoli omini michelin?
È anche molto nella mentalità, probabilmente sono tutti troppo protettivi: non avvicinarti al fuoco, non passare vicino al cane, non, non, non,non… io ho adottato un’altra strategia: scaldati vicino al fuoco ma non toccare perché brucia, che bello il cane lo accarezziamo insieme?
Tanto, anche ai bimbi delle ‘brave’ mamme che mettono sciarpa e cuffia viene il raffreddore. E poi magari se li portano in macchina senza legarli al seggiolino!
È come quando a un neonato la mamma da il suo latte, ‘prestandogli’ gli anticorpi: arriva poi un punto in cui gli anticorpi dovrà farseli da solo, ammalarsi, cadere, giocare in mezzo alla terra e sporcarsi (cosa che i nostri genitori e anche noi abbiamo sempre fatto e siamo ancora qua).
Insomma, vogliamo insegnare a questi bambini a cavarsela anche senza di noi?

Nessun commento:

Posta un commento