venerdì 6 luglio 2012

cuore di mamma

venerdì mattina, ore 12.30, ancora almeno un'ora prima del pranzo.


mi arriva questo sms, mittente mia mamma: gnocchi pronti, gnam, gnam!
preciso per chi non lo sapesse che mia mamma vive a 250 km da me, quindi mi viene un pò male andare da lei a pranzo.
penso, magari ha sbagliato e lo voleva mandare a mia sorella, che sta a 10 minuti da lei, non può essere così cattiva. in quel momento stavo chattando proprio con la mia sister e le dico cos'era successo, al che lei mi dice che non ne sapeva proprio nulla di questi gnocchi, così le dico, chiamala perchè magari l'sms era per te e te ne voleva dare. no no, era proprio cattiveria, a lei non gliene voleva dare per questioni loro irrisolte (mia sorella li ha fatti e non gliene ha dati perchè sono venuti cattivi).
allora io mi domando e dico: ma dov'è finito l'amore materno? l'infinito senso di protezione di una madre per la figlia? la sofferenza poi l'immensa gioia della nascita di un figlio, annullate così, per un piatto di gnocchi... no, da una mamma tanta cattiveria una figlia non se la aspetta mai, e poi in un momento così brutto come quando hai fame...
in tutta risposta io (o meglio il mio maritozzo, è lui l'addetto a carne e pesce e soprattutto al fritto!) il giorno dopo ho fatto le sardine fritte (splendida invenzione trovarle già pulite in pescheria, I love pescivendolo) e le ho mandato lo stesso sms, sardine fritte pronte, gnam gnam!
però mi sembra che non abbia sortito lo stesso effetto. la battaglia è appena cominciata, attenta mammina! 

francy


2 commenti:

  1. Francy... tua mamma voleva solo tentarti... magari vi sareste sobbarcati i famosi 250 km solo x un piatto di gnocchi...... Dolly ;-)

    RispondiElimina
  2. magari abito vicino io a tua mamma... un bel piatto di gnocchi me lo farei volentieri *:*

    RispondiElimina